Un Blog avvinato

scarcerato rudy kurniawan

Scarcerato il falsario del vino più famoso al mondo

in Wine World Di

Rudy Kurniawan è forse il personaggio più controverso dell’ambiente del vino. Da un lato descritto come un grande esperto e fine conoscitore di bottiglie rare antiche, e anche per avere uno dei palati migliori al mondo. Dall’altro lato però è stato condannato come truffatore, quindi è divenuto il più famoso falsario del vino, e “ricreatore di esperienze”. Ovvero non solo replicava le etichette ma anche le sensazioni che le bottiglie riprodotte davano. Petrus, Romanee Conti, Clos De La Roche… Solo per citare qualcuna delle migliaia di etichette “compromesse  finite sotto le mani di Rudy Kurniawan. La storia, che ha tutte le caratteristiche per un buon romanzo, è diventata un bellissimo docufilm: Sour Grapes, tra i più visti su Netflix (trailer).

Ebbene la notizia è che il protagonista della storia è tornato proprio in questi giorni in libertà. Ovviamente la cosa sta scuotendo non poco la comunità internazionale del vino.

Secondo Wine-Searcher, Kurniawan, 44 anni, sarebbe stato rilasciato dal Correctional Institution Reeves a Pecos, Texas, il 7 novembre ed espulso dagli Stati Uniti.

Come riportato, Kurniawan ha trascorso gli ultimi sette anni nel Correctional Institution Reeves, una prigione a gestione privata in Texas con una capacità di 3.763 detenuti, che ne fa una delle più grandi prigioni private del mondo.

Nel dicembre 2013 il Kurniawan, di nazionalità indonesiana, è stato giudicato colpevole di molteplici accuse di frode vinicola, per un valore di oltre 1 milione di dollari, da una giuria di New York.

Kurniawan è stato giudicato colpevole di frode postale per la produzione di vini falsi che ha venduto per 1,3 milioni di dollari tra il 2004 e il 2012, e anche di frode telematica per aver usato i vini falsi come garanzia per ottenere un prestito di 3 milioni di dollari. Si ritiene che nel 2006 abbia venduto all’asta ben 12.000 bottiglie di vino pregiato falso.

Dopo mesi di ritardi, Kurniawan è stato condannato a 10 anni di prigione nell’agosto 2014 dal giudice del distretto USA di Manhattan Richard Berman, il che lo rende la prima persona ad andare in prigione per aver venduto vino contraffatto negli Stati Uniti.

Gli è stato anche ordinato di pagare 28,4 milioni di dollari come risarcimento alle sue vittime, e altri 20 milioni di dollari come parte di un accordo di confisca. In tribunale il giudice Berman ha detto che Kurniawan ha commesso «una truffa audace, grandiosa, senza scrupoli, ma destinata a fallire».

Reperti di vini falsificati di Rudy Kurniawan, prima di essere demoliti.
Reperti di vini falsificati da Rudy Kurniawan, prima di essere demoliti

Kurniawan ha creato i suoi vini contraffatti mescolando vini vecchi con annate più recenti nella sua cucina di Los Angeles prima di farli passare per vini più costosi e ricercati. Nel 2016 è uscito un documentario intitolato Sour Grapes, che traccia la crescita e la caduta di Kurniawan.

[Parte delle informazioni sono state tradotte da thedrinksbusiness.com: fonte]
Lascia un tuo commento

Richieste di rettifica, consigli o inviti? Scrivici a info@radiobottiglia.com. // Rectification requests, advices or invitations? Write us at info@radiobottiglia.com

Gli ultimi da Wine World

Torna Su