Un Blog avvinato

Le ultime 10 annate in Friuli Venezia Giulia

Le ultime dieci annate in Friuli Venezia Giulia

in Wine World Di

Uno dei territori italiani più vocati per la viticoltura: il Friuli Venezia Giulia. Pubblichiamo questo post per appuntarci le note sulle annate che vanno dalla 2017 alla 2007 (c’è anche la 2018). È utile per noi, come può essere utile anche per sommelier e winelover in generale. È sempre a portata di mano e rintracciabile su Google, precisiamo che il testo di riferimento è una brochure di Lis Neris. Non perché si tratta di una marchetta, ve l’assicuriamo – anzi magari fosse! – ma perché abbiamo grande stima di Alvaro Pecorari, il patron dell’azienda. Oltre a essere una persona onesta, un grande vignaiolo, è uno che conosce davvero le virgole del territorio in cui lavora. Quindi ci fidiamo alla stra-grande.

[n.b., le annate in realtà sono undici 😄]

2018. Senza dubbio è stata un’annata calda, ma le punte di calore estive sono state poche e non così estreme come in alcune annate precedenti. Un periodo vendemmiale più lungo del normale: ogni varietà è maturata con la gradualità delle annate migliori, permettendoci una raccolta mirata e, di conseguenza, una vinificazione ottimale. Nel complesso un’annata superiore alle previsioni, dove i bianchi primeggiano e i rossi sono molto più di una buona promessa.

2017. In primavera, ad un germogliamento precoce, è seguito un periodo freddo che ha lasciato il segno sui vitigni più precoci come lo Chardonnay. Durante l’estate le viti hanno reagito grazie all’alternarsi di ondate di calore e periodi più freschi. Per il vigneto non è stata una stagione ideale, anche se la vendemmia ben distribuita ha riportato la fiducia. I vini bianchi in particolare promettono bene.

2016. Le piogge primaverili, in particolare durante il periodo della fioritura, ci hanno dato qualche preoccupazione, poi, dalla metà di giugno, è arrivata l’estate che ha portato caldo costante, ma non eccessivo, con temperature massime che raramente hanno superato i 30° C. L’uva è maturata con gradualità e questo ha favorito sia i vini bianchi che i vini rossi. Rispetto alla precedente, l’annata ha leggermente più alcol e più acidità: in una parola più energia.

2015. Primavera ideale, estate calda ma mai afosa grazie ai venti orientali di Bora, piovosità discretamente distribuita: una situazione climatica quasi ottimale per il modello friulano. I vini dimostrano una naturale propensione all’equilibrio, vengono favorite la finezza nei bianchi e l’avvolgenza nei rossi.

2014. L’inverno mite e l’estate bagnata sono stati un banco di prova molto impegnativo. La struttura dei vini è più sottile (meno alcol) e l’acidità più sostenuta esalta i profumi e i gusti sapidi. Una situazione più favorevole per i bianchi e meno per i rossi.

2013. Molto probabilmente per i vini bianchi sarà un’annata che farà parlare di sé; è confermato il profilo di un’annata ricca. Prevalgono eleganza e finezza, figlie di una buona stagione estiva e soprattutto di un periodo vendemmiale quasi perfetto. I rossi si dinstinguono più per il morbido ed elegante tannino, meno per struttura.

2012. Un’annata segnata da gelate tardive e dal caldo intenso di agosto. La raccolta ha avuto tempi lunghi, per la diversità di maturazione dei vigneti. L’anima settentrionale dei vini è garantita da eleganza e sapidità per i bianchi, di fragranza e nerbo per i rossi.

2011. L’estate calda ha accelerato il processo di maturazione. La raccolta, iniziata alla fine di agosto, si è prolungata durante tutto il mese di settembre. I vini bianchi dispongono di una struttura superiore con profumi ampi e avvolgenti. Bene i rossi che hanno avuto molti vantaggi da una stagione, per loro, ideale.

2010. Una vendemmia preceduta da un’estate più piovosa del solito e accompagnata da un settembre ideale anche se capriccioso. I vini hanno più acidità e meno alcol, il loro sviluppo si fonda su solide basi sapido/aromatiche, saranno equilibrati e progressivi e potranno riservare soddisfazione nel tempo.

2009. Un’altra vendemmia anticipata, un’altra scossa alle tradizioni. Le temperature elevate che hanno accompagnato la prima parte della vendemmia, sono scese in seguito, allungando i tempi di maturazione delle uve rosse. I vini esprimono una struttura avvolgente, ben integrata con freschezza e sapidità.

2008. La prima parte della stagione è stata più piovosa del solito; ma dalla fine di luglio sole, ventilazione e sbalzo termico si sono fatti sentire. Il frutto e il carattere dei vini sono di buon livello. In generale l’annata è superiore alla precedente.

2007. La vendemmia più precoce che in Friuli si ricordi. Vini bianchi di ottima avvolgenza, ben contrastate la sapidità e l’acidità, assicurano un’evoluzione minerale molto interessante. I rossi, che hanno potuto contare su una esemplare maturazione fenolica, sono molto più di una buona promessa.

Commenta

Richieste di rettifica, consigli o inviti? Scrivici a info@radiobottiglia.com. // Rectification requests, advices or invitations? Write us at info@radiobottiglia.com

Gli ultimi da Wine World

Torna Su
Inline
Inline