Un Blog avvinato

Bolgheri Rosso Le Macchile 2018

Le Macchiole Bolgheri Rosso 2018

in Wine Notes Di

Ho almeno una quarantina di vini da recensire per RadioBottiglia. “Almeno”, perché gli assaggi sono stati tantissimi negli ultimi mesi, complice soprattutto il lockdown. Ho assaggiato dei vini stupendi, e ringrazio i produttori per la spedizione dei campioni. Mai come in questo momento la bottiglia è stata uno strumento di evasione dalla forzata vita domestica. Uno strumento di viaggio. Questa è la potenza del vino. Perché dentro una bottiglia c’è un territorio, che comprende sapori e tradizioni. Quindi cultura.

È possibile così dal soggiorno di casa, semplicemente togliendo un tappo, arrivare in posti meravigliosi. Uno di questi è sicuramente Bolgheri.

Territorio di conflitto per le community di winelover 2.0. Rappresenta l’odio/amore per gli appassionati del vino. C’è chi osanna Bolgheri e chi la condanna. Perché la zona è spesso vista come luogo costruito fin troppo ad arte. C’è una fetta di persone del mondo del vino “colto” ma alternativo che si ostina a volergli dare quella connotazione negativa da luogo artificioso, pressoché finto. Descrivendo Bolgheri come una Disneyland del vino.

No, non è corretto. Certo sarà stata un po’ colpa, o merito, dei Wine Spectator, dei Robert Parker per  essere riusciti a far diventare “top” una zona snob, nel vero senso di sine nobilitate enoica. Facendo arrivare alle stelle i prezzi dei vini di Bolgheri, così come quelli delle parcelle di terra, in una sola manciata di decenni.

È palese che negli ultimi anni tutti hanno voluto avere un pezzo di terreno lì. L’ambizione di produrre vino a Bolgheri, per entrare di fatto nel gotha del vino.

C’è indubbiamente però dell’ottimo vino nella patria dei Super Tuscan dal taglio bordolese. Questo deve essere detto e scritto. Perché a Bolgheri non ci sono solo parvenu, ma anche produttori dal grande estro e manico. 

Ci sono aziende che meritano davvero tanto, e non per il marketing dell’etichetta ma per quello che riescono a fare dentro la bottiglia. Una di queste è Le Macchiole.

Le Macchiole Bolgheri Rosso 2018

Ho recentemente assaggiato il suo Bolgheri Rosso 2018. L’annata è la più recente (credo sia disponibile sul mercato da poco tempo). A proposito della 2018: è stata sicuramente una annata molto buona, e lo si capisce subito al primo assaggio. Ha infatti donato un vino di un equilibrio perfetto e di una grande precisione. Doti notevoli in una zona in cui sarebbe fin troppo banale giocare tutto solo sulla forza e sulla potenza di frutto. È un vino di grande eleganza, che però non tradisce la sua identità bolgherese, raccogliendo le anime dei vitigni iconici – Merlot 50%, Cabernet Sauvignon 20%, Cabernet Franc 15% e Syrah 15% –  e disponendole nel blend al meglio, con grande armonia. Un vino dunque molto consigliato.

Lascia un tuo commento

Gli ultimi da Wine Notes

Torna Su