Un Blog avvinato

La bottiglia di vino più costosa del 2020

La bottiglia di vino più costosa del 2020

in Wine World Di

Ci siamo quasi, stiamo finalmente per salutare questo anno maledetto. Tirando le somme e facendo i bilanci, una delle domande più frequenti nella mente del winelover , in questo periodo, è : Quale è stata la bottiglia di vino più costosa dell’anno? Ovvero: Quale è stata la bottiglia di vino venduta al prezzo più alto del 2020? E RadioBottiglia risponde.

“La cifra di acquisto per il lotto 14  è di 900.000 franchi svizzeri (Chf). È un set Pinchiorri”

Partiamo dalla notizia che è uscita in questi ultimi giorni, proprio in chiusura dell’anno. Recita un’Ansa: «È Baghera/wines (che ha sede in  Svizzera, n.d.a.) a vendere il lotto di (n.d.a.)  vino più costoso nel 2020 per la cifra di 900.000 Chf. Si tratta di un set di 6 bottiglie di grande formato in mathusalem (6L) 1985 del Domaine de la Romanée-Conti della collezione dell’Enoteca Pinchiorri (lotto 14) per una vendita ad un acquirente svizzero nell’ambito dell’asta di vini “Kingdoms” by Baghera/wines, organizzata il 6 dicembre a Ginevra».

Quindi rapido calcolo:

  • 900.000 Chf diviso 6 bottiglie è uguale a 150.000 Chf per bottiglia.

  • Allora convertiamo il Franco Svizzero in Euro e viene: 139.518,85 euro a bottiglia.

  • Pertanto questo lotto, di fatto, è formato dalle bottiglie di vino più costose del 2020.

Si tratta però di un lotto assortito: sono tutte bottiglie Domaine de la Romanée-Conti, tutte del 1985 e tutte in formato mathusalem, ma non sono tutte Romanée-Conti Grand Cru Monopole.

E infatti andiamo a vedere nel dettaglio com’era composto il lotto 14 :

  1. DOMAINE DE LA ROMANÉE-CONTI, ROMANÉE-CONTI – 1985
  2. DOMAINE DE LA ROMANÉE-CONTI, LA TÂCHE – 1985
  3. DOMAINE DE LA ROMANÉE-CONTI, RICHEBOURG – 1985
  4. DOMAINE DE LA ROMANÉE-CONTI, ROMANÉE-SAINT-VIVANT – 1985
  5. DOMAINE DE LA ROMANÉE-CONTI, GRANDS-ECHÉZEAUX – 1985
  6. DOMAINE DE LA ROMANÉE-CONTI, ECHÉZEAUX – 1985

Si legge ancora: «L’asta di vini “Kingdoms” ha totalizzato 3.556.500 Chf con il 100% dei lotti venduti per una stima tra 1,8 e 3,6 milioni Chf. Tutti i primi quattordici lotti in asta, appartenenti alla collezione dell’Enoteca Pinchiorri, hanno totalizzato 1,8 milioni di franchi. È segnalato (anche, n.d.a.) che il lotto 13, un set di 6 bottiglie jéroboam di grande formato (3L) del Domaine de la Romanée-Conti, ha trovato un acquirente per 408.000 Chf. Il risultato dell’asta dei vini porta il totale annuale di Baghera/wines per l’anno 2020 a oltre 10 milioni di franchi».

«Parte dei benefici provenienti dalla vendita dei lotti da 1 a 14 di Kingdoms by Baghera/wines (collezione Pinchiorri) saranno devoluti dai titolari dell’Enoteca Pinchiorri a due associazioni, una italiana e l’altra a Les Climats du vignoble de Bourgogne».

«Nelle particolarissime condizioni di quest’anno 2020 “Kingdoms”- afferma Michael Ganne, direttore esecutivo di Baghera /wines- ci ha regalato molte soddisfazioni, dove gli acquirenti hanno partecipato entusiasticamente».

«Ventiquattro grandi bottiglie tra le più preziose e ricercate al mondo sono volate- commenta Giorgio Pinchiorri – questa domenica verso una nuova destinazione, un nuovo “custode” che spero avrà, come ho potuto avere io, la cura e l’amore di preservare questo patrimonio enologico unico al mondo».

Solo fino a qualche giorno fa ad essersi aggiudicata il titolo comebottiglia più costosa del 2020” era stata la Doppia Magnum di Romanée Conti 1990 nell’asta Bolaffi, che ha segnato il record in Italia: venduta per 100.000 euro. L’asta diventata celebre perché ha fatto il tam-tam sul  web, anche sul nostro, aizzando curiosità e qualche polemica (ufficialmente respinta).

L’unica cosa certa è che il Domaine Romanée-Conti continua a rimanere in cima a tutte le classifiche dei vini più costosi, e ambiti, del mondo. Anche nel 2020.

[Fonte articolo / Fonte Foto: Baghera Wines]
Lascia un tuo commento

Gli ultimi da Wine World

Torna Su