Un Blog avvinato

Wine Influencer - Chiara Ferragni

In Vino Veritas, Ferragnez e derivati

in La Domenica Autarchica Di

Matteo mi aveva invitato a scrivere di vino sul suo blog e fino ad oggi mai ne ho scritto, vero è che invitare un egocentrico del mio calibro di “a parlare di terzi” è opera temeraria ma in questa Domenica Autarchica ci provo e parlo di un vitigno a me caro che grazie ad Armando Castagno (divulgatore sapiente e colto) ha scavallato la Provincia ed è arrivato ai più.

Il Rossese di Dolceacqua: Nerbo, eleganza e complessità, un concentrato di sfumature che armonizzano come un’orchestra sinfonica in un solo sorso. Sentori di frutti e di fiori, mineralità e pelli di cavalli imbizzarriti li lascio ai palati più evoluti ma questo vitigno, che viene dall’Asia minore fino a Marsiglia e poi prende il nome di Tibouren in Provenza si abbina in maniera sublime con i piatti della tradizione del ponente Ligure: Pesto, focacce, acciughe e muscoli ripieni, minestrone e….basta elencarli tutti altrimenti mi vien voglia di prendere il treno per Genova Pegli.

Ma ritornando a coloro che di vino “ne sanno”…oggi una sequela di improvvisati dell’ultima ora a colpi di followers su Instagram incastrano i nostri amici produttori in cerca di visibilità e con eleganza e sobrietà colgo la palla al balzo e seguo il mio amico Andrea Petrini nella sua “critica”sul nuovo modo di fare comunicazione sul vino e dico come la penso:

«Conoscere il vino ed il suo mondo non è una sbevazzata tra amici con il classico: “Adesso se portamo ‘na boccia per uno”»

Conoscere il vino è studio e non una foto sui social. Conoscere il vino è alzarsi la mattina presto e andare per cantine senza berlo ma sputarlo…si! sputarlo, altrimenti ti fai un negroni e sei servito.

Conoscere il vino è sputtanarsi stipendi e berlo da solo, si! da solo…perché solo il proprio palato può “raccontare” e ricordare.

Conoscere e parlare di vino è un mestiere e ognuno faccia il proprio di mestiere ….se ne ha uno!

Commenta

Gli ultimi da La Domenica Autarchica

Padri e Figli

Nel mondo del vino e come in tutte le forme d’arte difficilmente
Torna Su
Inline
Inline