Un Blog avvinato

Sogno Autarchico Gianni Ruggiero

Il Capodanno 2020 Autarchico nel teatro del Sogno

in La Domenica Autarchica Di

Come a teatro va in scena l’Autarchico e gli amici di Radio Bottiglia sono i benvenuti.

L’effimero, l’inutile rincorsa al superfluo, il fugace e fragile godimento per il nulla. La macchina dai mille accessori, il telefonino di ultima generazione, il vestito dell’influencer di turno o tutto quello che può supplire ad un’emozione vera. Viviamo un periodo dove non ci si emoziona più, la depressione è il male del secolo, non ci si ascolta, ognuno pensa a ciò che deve dire mentre l’interlocutore esprime un’opinione fottendosene di ciò che dice. Confusione, rumore, frastuono e silenzi assordanti fanno compagnia alle giornate di ognuno di noi.

Spesso casco anch’io in questa trappola e mi isolo prendendomela col mondo. E allora cosa fare? Cerco l’antidepressivo e mi rimetto per un giorno giacca e cravatta e racconto una storia, la storia del mio lavoro, preparerò cocktail di gamberi e brasato al Barolo, zuppa inglese e gli anni ‘80 dei ristoranti che mi hanno fatto amare il mio mestiere.

Sarà un giorno particolare, il giorno che tutti amiamo e odiamo….vorrò solo amici coi quali condividere un’emozione, quella che ci spinge ad amare la vita. Piatti e musica andranno all’unisono e il vino scorrerà a fiumi. Chiamiamola pure vana gloria ma almeno lascia qualcosa di bello, quel bello che vorrò condividere con voi in un capodanno Autarchico.

 

Commenta

Gli ultimi da La Domenica Autarchica

Padri e Figli

Nel mondo del vino e come in tutte le forme d’arte difficilmente
Torna Su