Un Blog avvinato

Category archive

Manifesto

Manifesto

Share significa condividere, non fare il gradasso

Nascono gruppi su Facebook, pagine su Instagram (sempre meno blog), che hanno come tema il vino. Ma che spirito c’è dietro? Che intenzioni ci sono? Buone o cattive? Perché nella maggior parte dei casi non c’è un sano spirito di condivisione ma invece si fa a gara a chi ne sa di più. A chi… Continua a leggere

Manifesto

Foodies, ecco cosa non vogliamo vedere quest’anno

Così è arrivato il 2019. Che cosa augurarci? Dalla mia prospettiva mi guardo bene dal parlare di politica o di economia. C’è già troppa gente che chiacchiera anche a vanvera sul tema. Ma un pensierino sulla cucina lo lascio lì. Nella vecchia Italietta c’era l’abitudine di buttare via dalla finestra qualcosa, cessi compresi. Continua a leggere

Forum Facebook Vino
Manifesto

La democratizzazione dell’informazione del vino

Su internet si può scrivere di tutto e tutti possono scrivere. Da una parte è un bene dall’altra un male. Lo stiamo capendo in questi ultimi anni, il mondo dell’informazione viaggia veloce e spesso in maniera malsana. Sappiamo in pochi minuti se sta avvenendo un terremoto in Giappone stando comodamente seduti sul divano di casa, … Continua a leggere

Tignanello - Piero Antinori
Manifesto

Il Tignanello, vino d’avanguardia divenuto classico

Se il Sassicaia è il padre dei SuperTuscans, il Tignanello è il suo primogenito. Primogenito dal temperamento rivoluzionario perché, inaugurando il connubio tra Sangiovese e Cabernet Sauvignon, è stato il primo di quei vini innovativi che hanno sconvolto la storia enologica, prima della Toscana e poi dell’Italia intera. Continua a leggere

Manifesto

Un faro chiamato Josko Gravner

Parla a bassa voce, ma si fa capire benissimo. Le sue parole sono frutto di convinzioni, che dopo tanti anni sono diventate certezze. È un uomo quadrato Josko Gravner. Un grande signore del vino, che non si può non amare. Zero superbia, zero arroganza. Ogni idea che Josko spiega è accompagnata da una frase chiave:… Continua a leggere

Bistrot o Bistro?

Sull’origine del termine bistrot gravano non poche incertezze. La parola entra nell’uso dei francesi a inizio ‘800, secondo un’interpretazione fantasiosa, durante la presenza russa a Parigi dopo la sconfitta di Napoleone, il divieto di alcolici agli ufficiali cosacchi, provocò la richiesta perentoria di essere serviti presto per non essere sorpresi. Continua a leggere

Manifesto

Mario Soldati, un Wine Blogger antesignano

Se Mario Soldati fosse tra noi, magari con un’età tra i 30 e i 60 anni, sarebbe sicuramente un wineblogger. Magari eserciterebbe questa professione destreggiandosi tra mille altri mestieri, così come fece davvero nella sua eclettica vita. Ma sicuramente scrivere di vini su internet, attraverso un computer o meglio su un portatile, in giro per il… Continua a leggere

La Domenica Autarchica/Manifesto

Pane e Farina

La farina “00” , all’apparenza inoffensiva, soffice, dal colore immacolato e la consistenza carezzevole. Questa farina – diffusissima nei piccoli e grandi supermercati – si ottiene tramite la macinazione industriale del chicco di grano, che comporta l’eliminazione del germe (il cuore nutritivo del chicco, che contiene aminoacidi, acidi, grassi insaturi, sali minerali, vitamine del gruppo… Continua a leggere

La Pasta
La Domenica Autarchica/Manifesto

La Pasta

La pasta è un prodotto che è entrato nella nostra alimentazione in epoca relativamente recente. In commercio ne esistono di pregevoli perché prodotte utilizzando farine di frumento di qualità ed essiccate a bassa temperatura, ma ce ne sono anche molte che per la scadente qualità della farina impiegata e per l’adozione di processi di essiccazione… Continua a leggere

Verdicchio Mario Soldati Bottiglie Anfora
Manifesto

Il Verdicchio secondo Mario Soldati (da Vino al Vino)

“Ricordo”, così esordisce la mia orazion picciola agli enologi marchigiani, “ricordo il Verdicchio di prima della guerra: il Verdicchio di trentacinque anni fa. Forse il più delizioso di tutti i bianchi di tutta Italia. Come mai proprio il Verdicchio è stato, tra tutti i vini bianchi d’Italia, il primo a crollare: Continua a leggere

Torna Su
Inline
Inline