Un Blog avvinato

1865 Pas Dosé 2014 Docg Conte Vistarino

1865 Pas Dosé 2014 Docg Conte Vistarino: Eleganza

in Wine Notes Di

Review

Vista
9.5/10
Olfatto
8.8/10
Gusto
9/10
Intensità
8.8/10
Coerenza
9/10
Prezzo
9.5/10
Overrall
9.1/10

1865 Pas Dosé 2014 Docg di Conte Vistarino, Tenuta Rocca de’ Giorgi, è uno spumante straordinario che si propone in una forma smagliante, mostrando nel calice un’eleganza “nostrana” e un equilibrio che sfiora la perfezione. Uno spumante altamente territoriale, che può ergersi a paladino dell’Oltrepò Pavese. Proprio questa zona, eccezionale dal punto di vista vitivinicolo, deve abbandonare velocemente le polemiche e le divisioni del passato, e tornare al posto che si merita: sicuramente nell’Olimpo del vino mondiale. L’Oltrepò oggi può contare su una figura come quella di Ottavia Giorgi di Vistarino, una donna in gamba e con una giusta visione del vino e del suo territorio.

Ottavia Giorgi di Vistarino ci tiene sempre a ricordare che la sua azienda declina il Pinot Nero in tutte le variazioni possibili. Non soltanto è vero, ma la variazione migliore di Vistarino è certamente quella spumantizzata, che poi è proprio quella più complessa. E lo è soprattutto se si propone una bollicina di Pinot Nero nella versione Pas Dosé, cioè senza dosaggio. Quindi senza trucchi e senza inganni. 1865 Pas Dosé 2014 Docg Conte Vistarino è uno spumante da festa, dall’animo nobile. Una bottiglia sicuramente ben riuscita, da collezione.

Spiega Ottavia Giorgi di Vistarino: “il mio tris nonno, il conte Augusto, colse la vocazione del territorio per il Pinot nero decidendo di importarlo dalla Francia nella sua tenuta a Rocca de Giorgi. Con la collaborazione di Carlo Gancia, reduce dall’esperienza in Champagne, mise a punto quello che fu il primo Metodo Classico di Pinot Nero d’Italia”.

Era il 1865, e quella data è oggi il nome della riserva di punta dell’azienda.

“Con l’annata 2014 – aggiunge –  ci siamo fermati a riflettere su questo metodo classico. L’abbiamo spogliato di ogni ornamento e vestito di tempo e cura. Il nostro obiettivo era lasciar parlare il territorio senza alcuna mediazione. Per capire cosa aggiungere era importante togliere tutto e partire solo dal solo Pinot Nero.”

Dal mio blocco note – Appena versato nel calice la spuma voluminosa presto scompare mostrando un colore bellissimo: un dorato cristallino. Sottili catenelle: le sfere sono precise nel salire dal basso verso l’alto. Piccolissime e morbide al palato.  Spumante ghiacciato? No grazie. Questo 1865 non deve assolutamente essere servito troppo freddo. Guai a perdersi l’evoluzione e le sfumature! Il naso è dolce, la beva pulita. All’olfatto sento la natura, il bosco, gli abeti. In bocca: il miele d’acacia, la resina. Poi, in maniera più chiara, gli agrumi, dolci e delicati. Infine la crosta di pane e la crema pasticciera.

Rapide note tecniche – Per l’annata 2014 di 1865 Pas Dosé 2014 Docg sono state prodotte circa 7.000 bottiglie. 100% Pinot Nero, le vigne della Tenuta Rocca de’ Giorgi, sorgono su suoli calcareo-argillosi. Fermentazione in acciaio, tiraggio in primavera. Non si effettua la fermentazione malolattica. È un Pas Dosé, quindi non dosato, e affina sui lieviti per circa 50 mesi.

Prezzo 25 euro circa.

Gli ultimi da Wine Notes

Torna Su