Un Blog avvinato

ROBERT PARKER PENSIONE

Robert Parker, Wine Advocate, si ritira e va in pensione

in Wine World Di

Robert M. Parker Jr., in tutto il mondo conosciuto come Wine Advocate, si ritira, va in pensione, e RadioBottiglia.com è il primo blog italiano a dare la notizia. L’annuncio del pensionamento del più famoso critico di vino internazionale è stato fatto proprio attraverso il sito di winejournal.robertparker.com, con un lungo articolo a firma di Lisa Perrotti-Brown, sua collaboratrice.

La notizia ci è arrivata in tarda serata, giovedì 16 maggio.

Mentre mi ritiro da The Wine Advocate”, commenta Robert Parker (72 anni), “ho l’onore di passare il testimone alla nostra meravigliosa squadra. È giunto il momento per me di rinunciare con effetto immediato a tutte le responsabilità editoriali e di direzione. Brindo a tutti voi per aver fatto parte di questo viaggio e spero che tutti continuino a condividere l’entusiasmo per la scoperta dei vini con i nostri critici devoti”.

“Il padre della moderna critica enologica – scrive Lisa Perrotti-Brown -, fondatore e della nostra omonima pubblicazione, il mio più grande mentore e caro amico, è con sentimenti contrastanti che annuncio che Robert M. Parker Jr. appenderà formalmente, da oggi, i suoi stivali di critico di vino e si ritirerà da Robert Parker Wine Advocate. Dico “contrastanti”, perché se qualcuno merita un po’ di riposo dal nostro frenetico mondo di recensioni di vini, è Bob. Eppure, il suo contributo ad alzare significativamente l’asticella della scrittura critica di vino di qualità e imparziale non può essere sottovalutato. La sua impareggiabile esperienza di degustatore, le sue opinioni esperte e dirette mancheranno molto ai consumatori e agli operatori del settore”.

Lisa Perotti-Brown ripercorre la carriera del critico: “Le origini di The Wine Advocate iniziano nel 1967, quando Robert Parker si prese una breve pausa dalla vita universitaria americana per fare il suo primo viaggio in Francia sulla scia di una giovane donna che studiava in Alsazia. Quella signora sarebbe diventata presto la signora Patricia Parker e lo è ancora oggi. Oltre a trovare la fidanzata, Parker scoprì il vino durante questo primo viaggio in Francia e ne sviluppò il gusto. A metà degli anni ’60, il progetto di The Wine Advocate prese piede nella mente di Robert Parker, ma i suoi amici e la sua famiglia, intenzionati a farne un avvocato, lo scoraggiarono in quanto fantasioso. Si è laureato all’Università del Maryland School of Law nel 1973 e si è unito a uno studio legale praticante vicino a dove lui e sua giovane moglie erano cresciuti, a Baltimora, nel Maryland. Ma il suo cuore professionale era già perso nel vino, e nel 1978 Parker decise di investire i suoi soldi e iniziò a pubblicare la sua guida enologica, The Baltimore-Washington Wine Advocate”.

“All’inizio degli anni ’70, quando Parker stava pensando di scrivere la sua guida sul vino, fu catturato dall’opera di Ralph Nader, un attivista politico americano che cercava di “eliminare” la corruzione sfidando la propaganda compromessa. Parker riconobbe che gran parte di ciò che allora veniva scritto sul vino era compromesso dalle attività finanziarie di molti dei famosi scrittori di vino dell’epoca. Lui sognava una rivista che potesse essere libera da legami finanziari con le cantine e i commercianti, una guida che avrebbe prodotto opinioni completamente imparziali sui vini e che serviva solo gli interessi dei consumatori di vino. Una rivista che sarebbe stata finanziata esclusivamente dagli abbonati, le persone che la comprano, la leggono e la usano. E così, The Wine Advocate ha cominciato e rimane fedele fino ad oggi”.

Parker with Michel Chapoutier.
Parker con Michel Chapoutier

“Nel 1979 il nome della rivista di Robert Parker fu trasformata in The Wine Advocate. Nel 1983, le controverse e brillanti recensioni di Parker sull’annata bordolese del 1982, degustata dalle botti delle cantine, crearono un grande scalpore tra la maggior parte degli altri grandi scrittori di vini che ritenevano che l’annata fosse eccessivamente matura e che i vini non sarebbero invecchiati. Quando Parker si rivelò essere nel giusto sulla grandezza di questa annata, la sua reputazione e la sua base di abbonati salirono vertiginosamente. Nel 1984 è riuscito a lasciare la sua carriera di avvocato per concentrarsi su The Wine Advocate e sul vino a tempo pieno”.

“Robert Parker ha creato il nostro sistema originale di classificazione dei vini in 100 punti con il primo numero di The Wine Advocate, che rimane lo standard del settore fino ad oggi. Oggi, Robert Parker Wine Advocate ha abbonati in ogni stato dell’America e in più di 40 paesi del mondo”, ricorda ancora l’autrice.

Il testimone quindi passa allo staff editoriale composto da 10 persone: Joe Czerwinski, Luis Gutiérrez, Monica Larner, William Kelley, Stephan Reinhardt, Mark Squires, Erin Brooks, Anthony Mueller, Liwen Hao e Lisa Perrotti-Brown.

[Fonte e Photo Credit: robertparker.com]

Commenta

Richieste di rettifica, consigli o inviti? Scrivici a info@radiobottiglia.com. // Rectification requests, advices or invitations? Write us at info@radiobottiglia.com

Gli ultimi da Wine World

Torna Su
Inline
Inline