Un Blog avvinato

Otto vini per una primavera che non vuole arrivare

in Beverage Di

Dicono che il meteo sarà negativo fino al 21 di maggio. Il 2018 sarà ricordato come un’annata dalla primavera bifolca. Cieli coperti da tappeti di nuvoloni grigi, piogge continue alternate a veloci e labili schiarite. Nel frattempo che ragioniamo su quali ripercussioni avrà tutto ciò sui vigneti di mezza Italia, pensiamo a bere il vino per cercare di superare questo periodo confuso e disastroso soprattutto per i meteoropatici.

Quindi per cercare di dare sapore alle giornate uggiose RadioBottiglia.com vi propone 8 vini. Non un grande numero perché speriamo che la stagione si riprenda il prima possibile. [Prezzi medi da enoteca]

Vini per una primavera che non vuole arrivare

I Rossi per un Maggio che sa di autunno

Iniziamo dai rossi, perché un bel bicchiere di vino rosso appena arrivato a casa è una delle cose più rincuoranti che esistano sulla terra. Ancora meglio se arriva subito dopo una doccia calda o un bagno rilassante. Per l’occasione ne abbiamo selezionati ben cinque.

Valpolicella Classico – Secondo Marco

Tannino leggero, vino che si lascia bere tranquillamente al primo sorso. Il Valpolicella classico di Secondo Marco è un jolly meraviglioso per concedersi al vino rosso senza subire colpi in testa. Corvina 70%, Corvinone 15%, Rondinella 10% e il restante 5% sono altre uve autoctone: freschezza, delicatezza e non manca un minimo di struttura. [Prezzo 10 euro circa]

Rosso di Montalcino – Col d’Orcia

Fa ancora freschetto, è ancora tempo per i vini di Montalcino senza che le fronti incomincino a imperlarsi di sudore. Qui i tannini si fanno setosi e in bocca sono piacevolissimi. L’ideale sarebbe stappare un’annata non troppo giovane, tipo una 2014, in modo che il Sangiovese  possa dare qualcosa in più in una giornata grigia. Tipo una gioia. [Prezzo 11 euro circa]

Montefalco Rosso – Tenute di Saragano

Sangiovese al 60%, Merlot al 25% ed un 15% di Sagrantino, per un vino non pesante e profondo, con piacevoli sentori di incenso. Questo è un vino che non si trova facilmente in giro. Se lo trovate compratene almeno una scatola. Poi la mettete in un ripostiglio e l’aprite quando c’è un tempo del cavolo. Vi farà ritrovare la pace dei sensi. [Prezzo non dato]

Marzemino – de Tarczal

Vino rosso piacevolissimo, facile e soprattutto divertente. Per noi di Radiobottiglia.com tra i migliori Marzemino base assaggiati finora. Conserva tutta l’identità romantica del vitigno che fu resa celebre dal grande Wolfgang Amadeus Mozart nel suo Don Giovanni. «Versa il vino! Eccellente Marzemino! ». “Ecco versa, che magari mi passa pure il mal di testa!”. [Prezzo 10 euro circa]

 

 

 

 

Mount Hermon Rosso di Galilea – Yarden Golan Heights Winery

È una chicca, è Kosher, ti riavvicina a Dio. C’è qualcosa di mistico in questo vino, forse perché viene dai vigneti che vanno dalle sponde del Mar di Galilea fino ai piedi del Monte Hermon, ad un’altezza che varia dai quattrocento ai milleduecento metri. Nonostante abbia qualcosa di biblico non risulta per niente pesante, anzi è davvero piacevole. Un rosso tondo, con una bella complessità ricavata da un blend di 5 uve: Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc, Malbec e Petit Verdot. [Prezzo intorno ai 12 euro]

Vini bianchi per un tempo infame

Durante un tempo da lupi, i bianchi devono avere una certa forza per far tornare la barra dritta a fine di una giornata quando non si vede proprio l’ora di arrivare a casa, mettere via impermeabili bagnati e scarpe zuppe.

“Conte della Vipera” – Castello della Sala

Per combattere “giornate no” e acquazzoni serve un bianco deciso e di carattere. Sauvignon blanc 80%, sémillon 20%: Conte della Vipera, rotondo e leggermente grasso, ha struttura e riempie bene la bocca. Insomma nei momenti del bisogno ci si aggrappa ad appigli sicuri, tipo a  un grande classico. [Prezzo 16 euro circa]

Fiano Colli di Salerno – Mila Vuolo

Un Fiano solido e rassicurante. Piacevole fin dall’inizio che si apre piano piano regalando una bella evoluzione al naso e alla beva. Fresco, morbido, sapido, con una mineralità che gli conferisce un’eleganza da Re. Da bere belli comodi sul divano con accanto qualcosa da sgranocchiare. [Prezzo intorno ai 12 euro]

Otto vini per una primavera che non vuole arrivare

Bollicina “Giuliacci non ti temo”

Perché uno spumante non si deve per forza stappare quando si festeggia, ma anche quando bisogna ritrovare l’allegria, soprattutto nei momenti da down meteorologico.

Brut Tradition – Gérard et Olivier Belin

Champagne! Già il nome porta felicità. Proponiamo una bottiglia non dal costo esoso ma che ha tutte le caratteristiche giuste per rendere una serata subito piacevole. Frutti gialli in una beva quasi cremosa. Pinot meunier 80%, pinot noir 10%, chardonnay 10%: per distendere e riallineare gli animi tra le mura domestiche. Dall’aperitivo alla cena, fino a un bel film davanti al televisore. [Prezzo 30 euro circa]

Commenta

Giornalista, Blogger e Copywriter. Appassionato di scrittura e innamorato del vino. Dal 2009 al servizio dei media e della comunicazione. Ha una gattina che si chiama Malvasia. Social: @inthecantine // Email: info@radiobottiglia.com

Gli ultimi da Beverage

Torna Su
Inline
Inline