Un Blog avvinato

Al Bano e il suo vino in Cina Xi Jing Pin

Il vino di Al Bano in dono al presidente cinese Xi Jinping

in Rassegna Stampa Di

Di Alessandro Troncino per il Corriere della Sera: Se dovessimo scegliere un’eccellenza del vino italiano da regalare a un capo di Stato straniero, una bottiglia icona, un produttore leggendario, un’etichetta spettacolare, penseremmo forse a un Monfortino, a un Sassicaia, a un Vecchio Samperi o a un Trebbiano d’Abruzzo di Valentini.

Alla Fondazione italiana Sommelier, incaricata da Palazzo Chigi di confezionare il dono enologico diplomatico, è venuto in mente il Platone, della tenuta di Al Bano Carrisi. Sì, il cantante. E così il premier Giuseppe Conte, forse ignaro del contenuto dell’omaggio, si è presentato alla corte del presidente cinese Xi Jinping con questo prezioso cofanetto. Al Bano, che trascorre il primo maggio nella sua Cellino San Marco, non fa professione di umiltà: «Meglio il Sassicaia? Parliamone…».

L’omaggio

Il suo Platone è un dignitoso rosso del Salento — 50 per cento uve primitivo 50 negramaro, affinato in barrique — non esattamente al livello di un Barolo. Superata la sorpresa, però, è facile intuire il motivo per cui, tra un Brunello Biondi Santi e un olio Muraglia, la solerte Fondazione abbia deciso di infilare nell’urna di legno il vino di Al Bano. Si tratta evidentemente di un omaggio (più o meno «platonico») per le belle parole spese nei confronti dell’ex nemico padano Matteo Salvini. E soprattutto per il prezioso ruolo da intermediario svolto nell’esportazione del vino italiano in Cina. A cominciare dal suo, naturalmente.

Il mercato

Al Bano fa vino da molti anni. Dopo inizi stentati e rischi di bancarotta, negli ultimi tempi si è ripreso alla grande e ha sfondato soprattutto nella grande distribuzione, tra Gigante e Coop. Ma va forte anche all’estero. Nella Russia dall’adorato Putin. E in Cina. Parlando con il suo distributore cinese, ma anche con il responsabile di Google a Pechino e con un governatore regionale, il titolare delle Tenute Al Bano Carrisi si è reso conto che l’esportazione di vino italiano non va come dovrebbe. È vero che negli ultimi dieci anni è cresciuta del 548% (fonte Coldiretti). Ma è anche vero che la Francia ci surclassa: «I cinesi — ci spiega — sono un miliardo e 400 milioni. Non si capisce cosa aspettiamo. Anche perché i francesi, che sono arrivati prima di noi, hanno il 50 per cento del mercato: noi soltanto il 5 per cento».

«Felicità» padana

Vista la situazione, Al Bano ha pensato di rivolgersi ai leghisti. Salvini — forse invidioso del reclutamento di Lino Banfi all’Unesco da parte di Di Maio — ha tanto apprezzato da invitarlo al Viminale, nel dicembre scorso. È finita con i due ebbri di allegria che cantavano «Felicità» e «Nel sole» e con il vicepremier che brandiva il «Baccus riserva Salvini».

I diritti umani e Manduria

Al Bano ha una lunga consuetudine con la Cina: «Ci ho fatto una decina di concerti, l’ultimo a novembre, in una città con 30 milioni abitanti». Conosce il presidente cinese? «Sfortunatamente no, ma ho incontrato un governatore che è un mio grande ammiratore e ho visitato la piazza Tienanmen e le stanze di Mao. Grande Paese». Sicuramente un Paese grande. Ma son pur sempre comunisti, sia pure capitalisti, no? «Se il comunismo è questo, facciamolo arrivare subito in Italia». Poi c’è quel dettaglio dei diritti umani: «Ma guardi, ogni Paese ha i suoi problemi: se penso a quel povero signore di Manduria, picchiato dalla banda di ragazzini». Sì, ma che c’entra con la mancanza di democrazia e di diritti umani? «Lo Stato siamo noi. È la gente che fa la democrazia».

«Ammiro e non professo»

Archiviato per un attimo il diritto e il commercio internazionale, si passa alla politica nostrana, che attira parecchio Al Bano: «Mi piace molto Salvini, sta facendo un gran lavoro e sta mantenendo le sue promesse». E Di Maio? «Non ho ancora avuto la gioia, beh, diciamo l’occasione, di conoscerlo». Insomma, in attesa di invadere pacificamente la Cina con il suo Platone barricato, si sta preparando a sbarcare in politica con la Lega? «Non mi faccia cadere nelle trappole della politica. Io faccio come il Papa, o come certi uomini di Stato: ammiro e non professo».

[Articolo e foto di Alessandro Troncino per il Corriere della Sera]

Commenta

Richieste di rettifica, consigli o inviti? Scrivici a info@radiobottiglia.com. // Rectification requests, advices or invitations? Write us at info@radiobottiglia.com

Gli ultimi da Rassegna Stampa

Torna Su
Inline
Inline